Ambiente E Caffè: Un Atto Di Equilibrio Ecologico

Ambiente E Caffè: Un Atto Di Equilibrio Ecologico

Il caffè come netturbino: consigli per evitarlo

Il caffè colpisce per la sua deliziosa fragranza e gli aromi dal gusto raffinato. Chi pensa all’impronta ecologica che l’oro nero lascia con il caffè del mattino? Occorrono 140 litri di acqua virtuale per fare una tazza di caffè. Capsule di caffè in alluminio, le tazze usa e getta del “café-to-go” fanno crescere le montagne di spazzatura. Ma ci sono anche alternative che proteggono l’ambiente e ancora non significano una perdita di comfort.

La Cosa Dell’acqua

Per molti consumatori, la sostenibilità e la compatibilità ambientale di un prodotto stanno diventando sempre più importanti. È interessante notare che i problemi che la produzione di caffè causa all’ambiente vengono spesso ignorati: le piante necessitano di irrigazione, la polpa viene lavata via dai chicchi con acqua e la pulizia delle macchine utilizza grandi quantità di acqua.

Vale a dire: 140 litri per tazza di caffè. Questa quantità di acqua supera di 15 litri il consumo giornaliero di acqua di un consumatore. È ancora più difficile immaginare che la produzione globale di caffè consuma tanta acqua ogni anno quanta ne scorre lungo il Reno in un anno e mezzo. Ma l’associazione del caffè decide che le quantità fornite sono solo “acqua virtuale”. È costituito da acqua piovana, acque sotterranee e acque superficiali. Inoltre, più del 90% della domanda di acqua sarebbe coperta dall’acqua piovana.

Tuttavia, non si può negare che la produzione di caffè, cacao e carne ha il più alto consumo di acqua dei beni di consumo. Per fare un confronto: il tè ha bisogno di 35 litri di acqua per tazza. In tempi di crescente scarsità d’acqua, questi numeri meritano sicuramente di essere presi in considerazione, perché la maggior parte degli amanti del caffè consuma il caffè più volte al giorno. Nel complesso, il consumo medio di caffè pro capite negli Stati Uniti è di 1,87 tazze di  caffè al  giorno.

Leggi di più:

Chicchi di caffè, capsule o cialde: quale caffè è migliore?

Capsule Di Caffè: Il Comfort A Scapito Dell’ambiente


Certo: il caffè a base di capsule di caffè colpisce per il suo aroma caratteristico e la comoda preparazione. Ma il prezzo per l’ambiente è alto. Nel 2018  sono state  prodotte l’ incredibile cifra di 59 miliardi di  capsule di caffè . Questa enorme quantità di pesi leggeri aggiunge fino a quattro milioni di chilogrammi di spazzatura all’anno. Fondamentalmente, l’alluminio è uno dei materiali riciclabili. È più difficile con le capsule di plastica perché il materiale non è puro. La composizione del materiale delle capsule è uno dei segreti meglio custoditi dei produttori di caffè. Nella migliore delle ipotesi, le capsule finiscono nel “sacco giallo” e vengono incenerite con il resto del materiale inutilizzabile. Una condizione intollerabile, perché sei grammi di caffè in polvere sono racchiusi in un massimo di tre grammi di confezione.

Crescenti Montagne Di Spazzatura E Nessuna Prospettiva Orientata Al Futuro

I grandi produttori di caffè sono giustamente preoccupati per la loro immagine: Tchibo spiega che si lavora costantemente per ottimizzare la riciclabilità delle capsule in plastica con coperchio in alluminio. Informazioni concrete – purtroppo nulle. Nespresso, invece, afferma che più di tre quarti delle capsule di alluminio potrebbero essere raccolte e riciclate. Il gruppo non fornisce dati reali sul riciclaggio.
Tuttavia, Nespresso ha istituito un sistema di ritiro a misura di consumatore in Svizzera: il postino ritira le capsule direttamente dal consumatore a casa. Tuttavia, questo servizio non è destinato ad altri paesi. Anche da un punto di vista finanziario, l’hype che circonda le capsule di caffè è incomprensibile: i consumatori investono fino a 90 dollari in un chilo di caffè in capsule. Un prezzo che supera di molte volte il prezzo al chilo del caffè tostato.

Caffè Da Asporto In Tazze Usa E Getta: Un Eccesso Di Spazzatura Nelle Città

È già pratico, in viaggio o quando non c’è abbastanza tempo per il caffè mattutino a casa. Il caffè da asporto in una tazza usa e getta è da tempo diventato un attributo della vita urbana nelle grandi città: il bicchiere di carta vuoto con un rivestimento di plastica vola nel bidone della spazzatura più vicino. Ma ci sono diversi problemi: a causa del rivestimento in plastica, la carta non è riciclabile e l’enorme quantità di bicchieri usa e getta usati è diventata da tempo un problema di rifiuti.

Secondo i sondaggi di Deutsche Umwelthilfe, in Germania vengono consumate 320.000 tazze di caffè da asporto usa e getta ogni ora. Sono tre miliardi di tazze usa e getta all’anno – sì, hai letto bene! – e finiscono tutti nella spazzatura. 43.000 alberi vengono abbattuti per produrre queste tazze usa e getta. L’energia di produzione consumata in questo modo coprirebbe la fornitura di energia elettrica di una città con centomila abitanti per un anno. Lo stesso vale per il consumo di acqua: sono necessari 1,8 miliardi di litri di acqua, il consumo annuale di una piccola città di medie dimensioni. E tutto questo per un prodotto con una “emivita” di 15 minuti o meno?

Leggi di più:

Alternative ai bicchieri di carta

Soluzioni Riutilizzabili Ecocompatibili

La critica ambientale si ripercuote anche sui grandi gruppi di caffè: se da Starbucks, ad esempio, hai il tuo caffè da asporto, in una tazza riutilizzabile che porti con te, risparmi 30 centesimi.

Al TU Berlin, un progetto studentesco si è trasformato in una struttura permanente nella caffetteria: la tazza riutilizzabile “Cup Cycle”. Sono ben accolti. Alla fine del 2016, la città di Friburgo ha avviato il progetto pilota “FreiburgCup”. Le tazze riutilizzabili di Friburgo costano un deposito e possono essere restituite a qualsiasi filiale partecipante. Con questo approccio, la città spera di arginare il diluvio di tazze usa e getta usate in città.

Progetti simili sono in corso a Berlino e Rosenheim. I caffè e le panetterie utilizzano sempre più tazze riutilizzabili per il caffè da asporto. Amburgo si sta muovendo anche in termini di consapevolezza ambientale: la rete di bicchieri “Refill-it” si sta affermando in dodici panetterie come alternativa ecologica al caffè da asporto.

Leggi di più:

La tazzina giusta per un caffè perfetto

In Sintesi: Gustare Un Caffè Con La Coscienza Pulita

Contribuisci anche tu a ridurre al minimo l’impatto ambientale del caffè:

  • In linea di principio, non utilizzare capsule di caffè.
  • Opzioni di preparazione provate e testate garantiscono anche deliziosi risultati di caffè: tira fuori la buona vecchia caffettiera dall’armadio e filtra a mano – un piacere per tutti i sensi.
  • Caffè in francese: preparato rapidamente con una stampa francese.
  • I filtri permanenti in tessuto o rete d’acciaio rivestita d’oro fanno risparmiare risorse.
  • Usa tazze riutilizzabili attraenti invece di tazze unidirezionali rivestite.

Vi auguriamo un puro piacere di caffè!