“Bialetti” – L’icona Della Cucina “Moka”

“Bialetti” – L’icona Della Cucina “Moka”

Il capo dell’impero italiano delle caffettiere, Renato Bialetti, è morto all’età di 93 anni nel febbraio 2016 ad Ascona (Svizzera). Le sue stufe moka continuano a deliziare gli amanti del caffè di tutto il mondo. La sua somiglianza con gli imponenti baffi e l’indice alzato è stata decorata per decenni sulle brocche di alluminio.

Ricorda: puoi sempre controllare la nostra pagina del negozio per i nostri prodotti consigliati che abbiamo testato noi stessi. Abbiamo testato macchine per caffè espresso, macchine per caffè espresso sia completamente automatiche che portafiltri, chicchi di caffè e utensili da caffè.

Come Tutto È Cominciato

Il  padre di Renato  Bialetti , Alfonso, inventò  nel 1933 la brocca ottagonale famosa in tutto il mondo , che in seguito avrebbe sancito il successo dell’azienda. Negli anni successivi è il figlio Renato a far conoscere “La Moka” in tutto il mondo con il suo particolare gusto per il design e il marketing. Negli anni Cinquanta Renato Bialetti conduceva grandi campagne televisive, cosa assolutamente insolita all’epoca. Come  icona del design italiano , “La Moka” può essere ammirata al Museum of Modern Art di New York.
Dopo la fine della guerra, Renato Bialetti, piemontese di nascita nel 1923, rileva nel 1946 l’azienda di famiglia, venduta nel 1986. L ‘“uomo con i baffi”, come veniva chiamato Bialetti, diventa il protagonista pubblicitario della posta -guerra ed è stata soprannominata “icona del Made in Italy” dal quotidiano “La Stampa”.

L’invenzione della caffettiera risale a Sir Benjamin Thompson (1753-1814), che scoprì questo sistema tra gli anni 1810-1814. Era un politico, ufficiale, inventore e fisico sperimentale e come tale diede un contributo significativo al sviluppo della termodinamica.

Come Funziona La Macchina Per Caffè Espresso

La preparazione si basa sul cosiddetto “principio del percolatore”. Un  percolatore  è in realtà solo una brocca che ha uno speciale “funzionamento interno”. La  pentola espresso  consiste della  parte di base  del  piatto che viene riempita d’acqua  e  la polvere di caffè viene versato  nella  inserto imbuto . La parte superiore della  brocca  con il tubo montante è stata progettata per raccogliere il caffè finito.

Durante il processo di riscaldamento l’acqua nel bollitore La Moka inizia ad evaporare creando una  sovrappressione . Questo ora spinge l’acqua calda nel bollitore attraverso la polvere di caffè nell’inserto dell’imbuto. Il caffè scorre attraverso un colino fine nella parte inferiore della parte superiore della brocca e sale nel tubo montante. Da lì, il caffè scorre nella parte superiore della pentola. Poiché dopo la preparazione rimane sempre un po ‘d’acqua nel bollitore, si previene il surriscaldamento immediato.

Così Si Prepara Con I Bialetti

Come utilizzare passo dopo passo la macchina per caffè espresso Bialetti:

  • Si consiglia di  riscaldare prima  l’ acqua necessaria  separatamente , ad esempio con un bollitore. Se riscaldi l’acqua con la macchina per caffè espresso, il metallo diventa rapidamente troppo caldo e la polvere di caffè può bruciare prima del processo di erogazione vero e proprio, il che si traduce in note di gusto amaro.
  • Nel frattempo, svita la caffettiera e solleva il  filtro metallico  dalla parte inferiore.
  • La parte inferiore della brocca è, per così dire, il serbatoio per l’ acqua del  caffè . Rabboccare l’  acqua calda qui fino al livello della valvola . Il modello “Brikka” viene fornito con un misurino separato per questo. Riempire la “Moka Express” ad occhio fino a sotto la valvola.
  • Ora inserisci il  filtro  nella parte inferiore e riempilo  fino al bordo con il caffè in polvere , che picchietti leggermente.
  • Avvita con cura la brocca  afferrando il corpo della brocca e non solo ruotando la maniglia.
  • Per  cucinare posizionare la caraffa su una fonte di calore adatta. Se utilizzi un fornello a induzione, assicurati che la macchina per caffè espresso sia adatta a questo scopo. Ad esempio, Bialetti ha il  Bialetti Venus Induction  nella sua gamma.
  • Durante il  riscaldamento si  sente l’acqua che sale in superficie. È meglio tenere il coperchio sempre chiuso!
  • Non appena si  sente  un  aumento del gorgoglio , rimuovere immediatamente la macchina per caffè espresso dal fornello e tenere la parte inferiore sotto l’acqua fredda per evitare ulteriori erogazioni.
    Ora puoi goderti il ​​caffè!
  • La  pulizia di  entrambi i modelli è molto semplice, perché basta svitare la caraffa. Battere i  fondi di caffè  fuori dal filtro e sciacquare le parti in acqua pulita dopo che si sono raffreddate. Se possibile, non utilizzare detersivo e non metterlo in lavastoviglie.

Lettura suggerita:

Quale macchina da caffè fa per te?

I Diversi Modelli Di Bialetti

Da un lato c’è la Bialetti  “Moka Express” (variante da 3 tazzine  o da 6 tazzine ) , diventata nel frattempo un oggetto di culto in tutto il mondo. Questa caraffa dovrebbe essere l’ideale, soprattutto per gli amanti del caffè nostalgici. Il design della caraffa in alluminio con i suoi otto angoli, collaudata da molti anni, consente la perfetta distribuzione del calore, in modo che l’aroma si sviluppi meglio e il caffè forte   venga preparato in pochi minuti.


La Bialetti  “ Brikka ”  è il primo caffè  produttore  da Bialetti che  prepara  il caffè con un cremoso, elegante Crema. Questo modello è altrettanto facile da usare quanto la variante “classica”.
Per gli amanti del caffè che lo amano particolarmente elegante, il Bialetti  “Venus” può essere  l’opzione perfetta, adatto anche per essere utilizzato su un piano cottura a induzione. Si distingue per le sue linee sottili e il fatto che sia realizzato in acciaio inossidabile, che lo rende un “eye-catcher” di alta qualità.
La  “ Moka Induction ”  è adatta anche  per l’induzione . Combina i classici elementi di design ottagonali della “Moka Express” con la funzionalità della “Venus”.

Tutti i modelli sono disponibili in diverse dimensioni, in modo da poter preparare qualsiasi quantità di delizioso espresso.

Prospettive – Bialetti

Indipendentemente dal modello che scegli per i Bialetti: Con “La Moka” puoi preparare in un  attimo un caffè deliziosamente aromatico,  come  per mano di un maestro .

Ecco di nuovo tutti i fatti importanti sull’agile brocca di “Bialetti” a colpo d’occhio:

  • Alfonso Bialetti ha inventato  la brocca ottagonale in alluminio nel  1933 .
  • Suo figlio Renato ha reso  “La Moka” famosa in tutto il mondo  per le campagne televisive su larga scala che all’epoca erano insolite.
  • Un modello può anche essere visto al  Museum of Modern Art  di New York.
  • La preparazione del caffè si basa sul principio della caffettiera  .
  • Sul  mercato sono disponibili i modelli  “Moka Express”  ,  “Brikka”  ,  “Venus”  e  “Moka Induction” .
  • La preparazione di un meraviglioso caffè è  molto semplice e veloce .