Caffè Arabo: Tradizione E Spezie Rendono Unico Il Caffè Arabo

Caffè Arabo: Tradizione E Spezie Rendono Unico Il Caffè Arabo

Il caffè ha una lunga tradizione nei paesi arabi. In questo paese, la moka, che è spesso equiparata al caffè arabo, è particolarmente nota. Tuttavia, c’è un’immensa differenza tra i due. Il tradizionale caffè arabo viene preparato da chicchi di Arabica leggermente tostati nella dallah e raffinato con tutti i tipi di spezie orientali. L’aspetto e il gusto del caffè arabo incarnano il fascino del misterioso Oriente.

Caffè Al Posto Del Vino

Il caffè giunse in Arabia dagli altopiani dell’Etiopia già nel XIV secolo e fu coltivato nello Yemen dal 1454. Inizialmente usato come medicinale, circa un secolo dopo divenne un  alimento di lusso . Non solo la famiglia dello sceicco, ma anche i cittadini facoltosi potrebbero presto godersela. Era così popolare e diffuso che anche il nome “caffè” potrebbe presumibilmente derivare dall’antica parola araba “Qahwah”. “Qahwah”  significa originariamente “vino”, che è severamente vietato a causa della fede musulmana. Invece, i credenti hanno apprezzato il gusto delizioso del  caffè  sin dal XV secolo .

Fino alla conquista turca nel XVI secolo, gli arabi detenevano l’  unico monopolio  del caffè. Lo proteggevano vendendo i chicchi di caffè trattati solo con il calore in modo che non potessero sorgere piantagioni concorrenti.

La Cerimonia Del Caffè Arabo

Il Medio Oriente conserva ancora la secolare tradizione araba del caffè. Anche il servizio e il bere seguono un  rituale fisso . Il caffè arabo viene servito in una piccola tazza senza manico , spesso decorata in modo elaborato, il  finjaan . Gli arabi usano solo la mano destra per versare e bere, perché la sinistra è tradizionalmente considerata impura. Il Finjaan dovrebbe essere sempre non più che mezzo pieno. Se un ospite desidera un’altra porzione, ruoterà leggermente la tazza vuota sul tavolo. Un buon padrone di casa riconosce questo gesto. Le frasi di cortesia continuano a richiedere che ogni ospite abbia almeno da  una a tre tazze . I datteri dolci vengono serviti con il caffè, che ammorbidisce le note aspre e speziate del caffè arabo e aggiunge alcuni aromi.

Caffè Arabo: Un Piacere

Il termine “caffè arabo” è spesso associato alla diffusa  moka .  I due tipi di caffè sono il più estranei possibile. Prima l’ovvio:

La moka è ricca di  zucchero , mentre il caffè arabico è gustato interamente non zuccherato.  Vengono invece utilizzate varie  spezie che conferiscono al caffè una nota orientale. Il più popolare è il cardamomo, che non dovrebbe mancare in nessun caffè arabo, ma spesso si usano anche cannella, chiodi di garofano, acqua di rose, zafferano o noce moscata.

Inoltre, anche i fagioli e il grado di tostatura differiscono drasticamente. I chicchi di caffè vengono  tostati scuri,  mentre solo i  chicchi di Arabica leggermente tostati vengono  preparati per il caffè arabo. Anche i chicchi completamente non torrefatti vengono utilizzati nel caffè saudita.

Anche l’aspetto visivo dei caffè varia di conseguenza. La moka è quasi nera e viene tradizionalmente servita con una schiuma di schiuma, mentre il caffè arabico è leggero e lattiginoso e assume un tocco leggermente verdastro. Il gusto è aspro, varia a seconda dell’intensità e delle spezie e ricorda più un tè speziato che un caffè.

Così Si Prepara Il Caffè Arabo

Il caffè arabo viene sempre preparato sul fornello o sul fornello a carbone. Ciò richiede un  dallah,  una caraffa stretta, ma si possono ottenere buoni risultati anche con una pentola normale. Si consiglia un thermos per mantenerlo caldo, perché una  cosa  è particolarmente importante: il caffè arabico va servito sempre ben  caldo .

Idealmente, il caffè appena tostato viene  macinato  in una  polvere fine . Più il risultato è fine, meglio è. Per 250 ml di acqua, a seconda dell’intensità, sono necessari da mezzo a due cucchiai di caffè in polvere. L’acqua viene portata a ebollizione nella dallah. L’intera quantità di caffè viene mescolata nell’acqua leggermente raffreddata. Per un caffè arabico delicato, l’acqua non deve bollire in seguito, poiché questo dissolve le sostanze amare. Invece, la miscela dovrebbe  cuocere a fuoco lento per  circa  tre minuti .

Un metodo di preparazione alternativo prevede la cottura del caffè arabo sul fornello per un massimo di 12 minuti. A volte si consiglia anche di far bollire nuovamente l’infuso dopo un breve periodo di riposo. Indipendentemente dal metodo di preparazione, il caffè viene lasciato in infusione per altri cinque minuti prima di servire. Nel frattempo, la maggior parte delle sostanze torbide si depositano sul terreno, perché a differenza della moka turca , i  fondi di caffè non vengono serviti .

Lettura suggerita:

Pulizia del thermos: ecco come!

Le Spezie

Nessun caffè arabo senza  cardamomo , ma quando viene effettivamente aggiunto al caffè? Ci sono diverse opzioni qui. Può essere macinato finemente oppure solo schiacciato grossolanamente e cotto oppure aggiunto nell’ultima fase di riposo. Lo stesso vale per  cannella, noce moscata e chiodi di garofano. Non si devono cuocere solo l’acqua di rose e i costosi fili di zafferano. Perdono troppo rapidamente il loro aroma. Pertanto, aggiungili sempre prima al thermos.

Con il metodo di preparazione, la quantità e la miscela delle spezie, è importante sperimentare un po ‘fino a trovare il tuo preferito. Si consiglia di iniziare con poche spezie in una dose bassa e poi aumentare gradualmente.

Un suggerimento da provare:

  • 250 ml di acqua
  • 2 cucchiai di caffè in polvere finemente macinato
  • 1 cucchiaio di cardamomo fine in polvere
  • 2 chiodi di garofano
  • 1 filo di zafferano
  • 1 cucchiaio di acqua di rose

Al primo tentativo, il caffè deve solo cuocere a fuoco lento e tutte le spezie vanno aggiunte solo nella fase di riposo. Il risultato è un caffè arabico aromatico, non troppo amaro, che ispira ulteriori sperimentazioni.

Lettura suggerita:

La macchina per caffè espresso Sage Oracle Touch SES990 nel test: un portafiltro per comodi amanti del caffè.

Macchina per caffè espresso classica Gaggia messa alla prova: un modello entry-level per aspiranti baristi casalinghi

Conclusione: Il Caffè Arabo Incanta Con Le Spezie

  • La tradizione del caffè arabo inizia nel XIV secolo
  • È ottenuto da chicchi Arabica in una tostatura leggera
  • Cardamomo, cannella, chiodi di garofano, noce moscata, acqua di rose e zafferano gli conferiscono una nota orientale
  • Zucchero e latte tradizionalmente non sono inclusi