Caffè Contro Mate

Caffè Contro Mate

Il caffè è ancora la bevanda calda più popolare tra gli americani, ma sempre più amanti dei diversi gusti giurano per il tè. Il tè mate, in particolare, sta diventando sempre più popolare. Ma il mate è davvero meglio del caffè? Esperti di nutrizione e caffè hanno affrontato l’argomento e hanno spiegato quali aspetti della salute differiscono da tè e caffè.

Lotta Dei Radicali Liberi

Se dai un’occhiata al negozio di alimenti naturali o sfogli varie riviste per i clienti nelle farmacie, avrai notato che tutti i tipi di tè sono in crescita. In Europa, solo circa la metà del  tè viene  bevuta rispetto al caffè, ma varietà più esotiche come il mate sono fattori trainanti, non di rado perché si dice che abbiano un effetto positivo sulla salute, perché questa varietà contiene anche molti antiossidanti.
L’antiossidante più conosciuto in questi paesi è probabilmente la vitamina C. È così noto che vende meglio di tutti gli integratori alimentari, sebbene nessuno in Europa abbia una carenza di vitamina C. A ragione, si può dire, perché con una dieta equilibrata che include frutta e verdura di ogni tipo, nessuno deve preoccuparsi del proprio stato di vitamina C. E in realtà non sulla sua difesa radicale. I radicali liberi sono molecole aggressive che possono attaccare le nostre cellule se non vengono catturate per prime. Sorgono naturalmente, se non altro perché abbiamo bisogno di ossigeno per respirare. E come tutti sappiamo, l’ossigeno libero in particolare è molto aggressivo e persino il ferro inizia ad arrugginire. Alcune persone aumentano anche la loro offerta di radicali, fumando o prendendo il sole a lungo. Ed è per questo che non è sbagliato se anche qualche altro spazzino radicale viene assunto attraverso il cibo, o nel termine tecnico antiossidanti. E ce n’è in abbondanza nel caffè come nel mate.

Non Tutti Gli Spazzini Dei Radicali Sono Creati Uguali

Proprio come la vitamina C viene in mente come spazzino dei radicali quando parliamo di frutta, ci sono due gruppi di caffè e mate che sono caratteristici di queste bevande. Nel caffè questi sono gli   acidi clorogenici e nell’altro i flavonoidi. Hanno diverse strutture molecolari e quindi hanno proprietà diverse in termini di proprietà di lavaggio dei radicali. In un test che scienziati spagnoli hanno pubblicato nel 2018 sul Journal of Science in Food and Agriculture, è stato dimostrato in modo impressionante che una bevanda al caffè nello stesso dosaggio aveva quasi la metà dell’efficacia contro i radicali rispetto al migliore dei quattro tè mate testati. La domanda ora è: perché ed era esclusivamente dovuto agli acidi clorogenici?

Il Caffè E I Suoi Poteri Nascosti

Le bevande al caffè  sono note per essere di colore nero intenso. E c’è già il primo indizio sul perché il caffè avesse ancora un jolly contro i radicali liberi nella manica. Il colore nero è causato dai pigmenti colorati che si creano durante il processo di tostatura, noti come melanoidine. Sono molecole molto grandi che non sono state ancora chiarite nel loro insieme, poiché si presentano in nuovi schemi in ogni bevanda al caffè. Ma è noto che fungono anche da eccellenti spazzini dei radicali liberi e una bevanda al caffè è composta da un quarto di queste sostanze. Ora aiuta anche a tostare il tè? Purtroppo no, ci sono sia arrostito  il tè verde  e  tè nero , ma la miscela necessaria per la formazione delle melanoidine si trova solo in quella verde. Ma ancora: la varietà fa la differenza. Caffè e tè hanno sofferto bene e oltre agli spazzini radicali che contengono, anche il gusto e il piacere sono importanti e ce n’è per tutti i gusti.