Il Gruppo Erogatore E61: Come Un’invenzione Italiana Ha Rivoluzionato Il Processo Di Preparazione Dell’espresso.

Il Gruppo Erogatore E61: Come Un’invenzione Italiana Ha Rivoluzionato Il Processo Di Preparazione Dell’espresso.

Stai pensando di acquistare un pesante e costoso bolide in acciaio inossidabile che ti vizierà con un eccellente espresso nelle tue quattro mura in futuro? Quindi molto probabilmente ti sei imbattuto nel gruppo di birra E61 e ti sei chiesto di cosa si tratta, giusto?

In questo articolo spieghiamo perché il gruppo caffè E61 è diventato una vera storia di successo e perché domina il mercato delle macchine espresso semi-professionali  . Scoprirai anche come utilizzare il gruppo caffè E61 per preparare chicchi di caffè molto fruttati e più acidi. 

Il Gruppo Caffè: Il Cuore Di Ogni Macchina Portafiltro

Il gruppo caffè è noto per essere il cuore di ogni macchina per caffè espresso. Il tuo compito è trasportare l’acqua dal bollitore al caffè macinato nel portafiltro in modo che la temperatura dell’acqua rimanga il più costante possibile. Il gruppo infusore distribuisce quindi l’acqua uniformemente temperata sui fondi di caffè.

La temperatura di erogazione costante è uno dei fattori più importanti per la perfetta estrazione dell’espresso. Non sorprende quindi che la costruzione del gruppo caffè sia il segreto di ogni produttore di macchine per caffè espresso e che sia qui che viene compiuto il maggior sforzo strutturale.

Il Faema E61

L’azienda italiana Faema si è impegnata molto nello sviluppo della macchina per caffè espresso Faema E61 nel 1961. E61 è il nome del modello della macchina. L’invenzione della E61 è attribuita a Ernesto Valente. Faema ha lanciato l’E61 con l’omonimo gruppo erogatore nel 1961. La E sta per Eclipse, l’eclissi solare avvenuta nel 1961. 

L’E61 ha cambiato in modo significativo il mondo del caffè: ha rivoluzionato il processo di preparazione dell’espresso. Era più facile e veloce da usare e offriva anche una qualità dell’espresso molto più costante rispetto alle macchine a leva che erano ampiamente utilizzate fino a quel momento. Non c’è quindi da meravigliarsi se, a pochi anni dal lancio sul mercato, ha sostituito le grandi macchine a leva manuale dei caffè. La E61 è certamente anche responsabile del fatto che le macchine per caffè espresso si siano diffuse in tutto il mondo.

Macchina espresso a circuito singolo o doppio circuito? Quale sistema è migliore? Ti spiegheremo e ti diremo quali sono le differenze.

L’E61 Ha Rivoluzionato Il Processo Di Preparazione Dell’espresso

Molte altre innovazioni sono andate di pari passo con lo sviluppo della E61. Abbiamo descritto i più importanti qui.

Sistema Thermosyphon
L’E61 è passata alla storia come la prima macchina per caffè espresso a due circuiti con scambiatore di calore e sistema a termosifone. L’innovazione era che il gruppo infusore veniva riscaldato mediante circolazione di acqua. Maggiore è la differenza di temperatura tra l’acqua nello scambiatore di calore e il gruppo infusore, più veloce è la circolazione. Ciò ha permesso di mantenere il gruppo infusore e l’acqua che scorreva alla temperatura ottimale per la preparazione dell’espresso. Di conseguenza, era possibile che per l’estrazione si potesse utilizzare anche acqua dolce, dal serbatoio o direttamente dalla tubazione dell’acqua, che era evidente anche dal punto di vista del gusto in tazza.

Pre-infusione
Il gruppo caffè E61 è il primo gruppo caffè a consentire una cosiddetta preinfusione. A causa dell’ingegnosa struttura nella testata di infusione, una piccola quantità di acqua viene lasciata sui fondi di caffè con poca pressione prima dell’effettivo accumulo di pressione. La preinfusione provoca l’umidificazione e la saturazione del caffè macinato, il che significa che si gonfia “delicatamente” e si solidifica prima che inizi l’effettiva formazione di pressione a 9 bar. Il vantaggio decisivo della preinfusione è che gli aromi presenti nei fondi di caffè vengono estratti meglio.

Qui puoi trovare un breve video sulla preinfusione con un gruppo caffè E61:

La pompa rotativa a slitta genera la pressione di erogazione
Nelle macchine a leva manuale  , la pressione di erogazione era generata dalla leva stessa. L’E61 è stata la prima macchina ad avere installata una pompa rotativa meccanica a palette. Ciò ha fornito una pressione costante di 9 bar, che corrisponde alla pressione di erogazione ideale per la  perfetta estrazione dell’espresso .

Il successo della E61 negli anni ’60 è dovuto anche al fatto che la velocità di lavoro poteva essere aumentata dalla semi-automazione del processo di erogazione rispetto alle macchine a leva manuale. Anche la leva manuale estenuante e talvolta soggetta a incidenti potrebbe essere sostituita dalla E61. 

Abbiamo trovato un commento sul nostro sito su questo argomento che è particolarmente interessante. Di seguito abbiamo citato un estratto da questo.

“[…] Ma spendere più di $ 1000 per una macchina per caffè espresso in privato non è comunque del tutto ragionevole. C’è un sacco di psicologia coinvolta. L’espresso è un’espressione del moderno. Industrializzazione. Il tempo delle macchine a vapore e della meccanica. […] E in tutto lo sviluppo, l’E61 è stato probabilmente un colpo di genio. Un perfetto circuito di controllo meccanico che ha ridotto il fattore di errore umano a pochi componenti davanti alla macchina. E poiché l’industria dei semiconduttori non era nemmeno nata all’epoca e nessuno voleva installare un regolatore a tubi in una macchina con acqua, questa soluzione ha plasmato l’immagine del bar espresso per un tempo dannatamente lungo. E probabilmente anche il gusto. Cioè l’espresso è ciò che è uscito oggi da queste macchine. Tutto ciò che è nuovo deve essere misurato rispetto ad esso. Quindi, quando acquisto una macchina con un gruppo caffè E61, acquisto il simbolo meccanico per l’espresso. […] “

Gruppo Erogazione E61 Per Arrosti Di Caffè Espresso Fruttati

Istruzioni passo passo

Tempo richiesto: 2 minuti.

I chicchi di caffè espresso più leggeri, che hanno una percentuale significativa di acido, dovrebbero generalmente essere macinati un po ‘più fine del solito prima dell’estrazione in modo che l’espresso abbia un sapore equilibrato. A causa della macinatura più fine, possono verificarsi intasamenti perché l’acqua non può più penetrare nei fondi di caffè.

Con le opzioni del gruppo caffè E61, puoi prevenire l’ostruzione ed estrarre un delizioso espresso se estendi semplicemente un po ‘la fase di pre-infusione. Segui semplicemente i passaggi seguenti.

  1. Macina i fagioli

Macina i chicchi più fine del solito e inserisci il portafiltro nel gruppo infusore.

  • Avviare l’erogazione dell’espresso

Avviare il coperchio spostando prima la leva di comando del gruppo infusore E61 sulla normale impostazione di 90 °. La pompa si avvia e la pressione aumenta.

  • Attendere brevemente fino a ca. Viene raggiunto 4,5 bar

Ora, attendere fino a quando non è stata raggiunta una pressione di base al massimo della metà della pressione di infusione. Il manometro della pressione di erogazione dovrebbe ora mostrare ca. 4,5 bar.

  • Riportare la leva in una posizione di 45 °

Quando la pressione di base è aumentata, riportare la leva in posizione di 45 °. La pompa si spegne, ma la valvola di ritorno non viene aperta.

  • La fase di preinfusione viene estesa

Aspetta un momento. La fase di preinfusione è ora estesa. Il puck del caffè è diventato più permeabile prima dell’estrazione vera e propria.

  • Riportare la leva in posizione 90 °

Riportare la leva nella posizione di 90 °. Il processo di fermentazione ora continuerà normalmente e inizierà l’estrazione.

Il procedimento è adatto solo per caffè espresso con un contenuto di acidità chiaramente evidente. Più acido ha un caffè, più fine dovrebbe essere macinato e più a lungo può durare la fase di preinfusione.


Conclusione Sul Gruppo Erogatore E61

Puoi riconoscere le macchine portafiltro con gruppo erogatore E61 dalla forma otticamente dominante nella parte anteriore. Il massiccio gruppo erogatore cromato è impressionante. Anche le macchine con il gruppo caffè E61 fanno un buon lavoro sotto il cofano. Con la pressione di erogazione costante, la preinfusione e la temperatura ottimale del gruppo caffè puoi estrarre un ottimo espresso. Il gruppo erogatore E61 è sinonimo di arte tipica della preparazione del caffè italiano. E vista la sua grande popolarità, l’approvvigionamento di pezzi di ricambio e soggetti a usura non è una sfida importante.  

Gli unici svantaggi a questo punto sono il tempo di riscaldamento notevolmente più lungo (tra 20 e 40 minuti) rispetto alle macchine a blocco termico. 

Il successo dell’E61 ha fatto sì che tutti i gruppi caffè che funzionano con lo stesso principio siano chiamati E61, compresi quelli costruiti da altri produttori. E61, quindi, è sinonimo di qualità solida. Quindi puoi essere sicuro che il gruppo di birra ti darà molto piacere. 

In generale abbiamo avuto buone esperienze con il gruppo caffè E61 e possiamo quindi consigliare macchine espresso con questo gruppo caffè con la coscienza pulita. Qui puoi trovare una selezione di macchine per caffè espresso con gruppo caffè E61:

i prezzi sono in EUR. Puoi utilizzare una calcolatrice per convertirli in USD