Slow Food Coffee – The Lifestyle Trend

Slow Food Coffee – The Lifestyle Trend

Caffè “Pour Over”, “Cold Brew” e “Cold Drip”

Il movimento slow food è stato avviato nel 1986 dall’italiano C. Petrini per distinguerlo dal fast food, già popolare all’epoca. Nel 1992, la Germania ha scoperto da sola la tendenza. Da allora, il caffè lento è stato parte integrante dell’atteggiamento in continua espansione nei confronti della vita. Il commercio equo e le aree di coltivazione certificate in Honduras, Guatemala, Uganda, Etiopia, Mozambico e São Tomé & Príncipe costituiscono la base del nuovo godimento del caffè. Processi di tostatura delicati e metodi di preparazione celebrati con tutti i sensi incarnano lo spirito di decelerazione e consapevolezza cosciente.

I Punti Chiave Del Caffè Lento

Per decenni, il caffè era spesso solo la bevanda scura e calda che usciva dalla macchina del  caffè  premendo un pulsante. Quindi la complessità dell’aroma   e l’effettivo godimento spesso scomparivano dietro il  calcio di caffeina . Anche il rapido ”  caffè da asporto  ” nella tazza usa e getta segue lo stesso comportamento del consumatore non riflessivo. Le persone si sforzano di ottenere risultati maggiori, più economici e più rapidi e persino il proprio benessere passa in secondo piano. Lo slow food come contromovimento  contraddice questi parametri e cerca un nuovo atteggiamento nei confronti della vita:  divertimento, rallentamento, meno stress, impegno ecologico e sociale sono puro stile di vita .

Fondazione Slow Food Per La Biodiversità

Nel 2003  Slow Food International ha fondato  la Fondazione per la Biodiversità. Per informazione: il caffè prospera solo in una zona climatica ristretta compresa tra 25 ° sud e 23 ° nord di latitudine. Questa regione tropicale, conosciuta come la ”  cintura del caffè  “, è quasi esclusivamente nei  paesi emergenti e in  via di sviluppo. La sicurezza sociale e la comprensione ecologica dei piccoli proprietari locali generalmente molto poveri sono corrispondentemente basse. Inoltre, il  dumping sui prezzi delle  aziende agricole convenzionali sostiene le strutture inadeguate e lascia poco spazio di sopravvivenza ai piccoli agricoltori.

Il movimento slow food si oppone a questo sistema e promuove cooperative di tanti piccoli agricoltori in paesi strutturalmente deboli. Il  commercio equo e solidale  con le aree remote consente a molte famiglie un reddito sicuro e promuove anche condizioni di coltivazione ecologiche e delicate. Inoltre, l’esercizio promuove la conoscenza della natura, della biodiversità e dei fertilizzanti naturali e quindi combatte l’estinzione delle specie. Queste misure protettive non solo  avvantaggiano  gli animali selvatici, ma anche rari tipi di caffè si fanno strada nelle nostre tazze e la conoscenza dei metodi tradizionali di  coltivazione e tostatura  viene preservata.

Preparare Il Caffè: Pazienza E Conoscenza

La varietà e la qualità  dei chicchi , la  tostatura , il  grado di macinatura  e il  processo di preparazione alterano il gusto del caffè. Mentre la varietà e l’arrosto seguono le preferenze individuali, i requisiti di qualità sono indipendenti. Il miglior caffè è sempre ottenuto da chicchi appena macinati, poiché  gli aromi volatili vengono persi durante la conservazione . Inoltre, il grado di macinatura può essere determinato con il tuo macinacaffè , non insignificante per il gusto.

Il processo di fermentazione ha anche un impatto significativo sulla complessità del sapore. Le  nuove tendenze  come  “pour over” ,  “cold brew”  e  “cold drip”  incarnano l’idea slow food e sono descritte più dettagliatamente di seguito.

“Pour Over” – Il Classico In Un Nuovo Look

Il tradizionale processo di “versamento” con la  macchina per caffè filtro è  familiare a molti fin dall’infanzia. Oggi il “pour over” viene celebrato come  versamento manuale e lento :
occorrono da 60 a 100 grammi di polvere di caffè per litro d’acqua il più morbido possibile. In un  sacchetto filtro  sciacquato con acqua tiepida o un panno fine, la polvere di caffè viene versata lentamente con acqua calda. La velocità influenza lo sviluppo dell’aroma perché il caffè lento diventa più complesso con più tempo. Una tazza di caffè è pronta in circa tre minuti.

Nel nostro negozio trovi diversi filtri manuali con i quali puoi preparare un caffè “pour over”; ad esempio i tradizionali filtri manuali , ma anche filtri manuali come la  caffettiera Bodum  con filtro permanente  o la  caraffa del caffè Chemex.

“Cold Brew” E “Cold Drip”: Il Tempo Accende Gli Aromi

L’altro tipo di caffè è ” cold brew ” e “cold drip”. Questi non sono affatto avanzi stantii del giorno precedente, ma piuttosto un  metodo di fermentazione peculiare . Con il ” cold brew “, 100 grammi di polvere di caffè macinato vengono immersi in un litro di acqua fredda (temperatura ambiente) per 8-24 ore. Il successivo processo di filtraggio rimuove i componenti solidi e si crea un caffè delicato e complesso.

Nel più complesso processo “cold drip”, chiamato anche “  Dutch Coffee  ”, la polvere di caffè finemente macinata viene versata con acqua molto fredda. Tuttavia, ciò non avviene entro pochi minuti, ma ore. La polvere di caffè e l’acqua si conoscono solo in goccioline, creando un concentrato. Questo processo viene sapientemente messo in scena nei bar con l’aiuto del gocciolatore freddo. Quando gustato diluito con acqua, si dispiega il potere puro delle fave.

Lettura consigliata:

Macinacaffè Test 2021

Espresso Machine Test 2021 | Prestare attenzione a questo quando si acquista una macchina per caffè espresso.

Conclusione: Caffè Slow Food: Una Tendenza Che Ha Senso

Lo slow coffee è uno  stile di vita completo,  dedicato al gusto e alla responsabilità nei confronti della natura e delle persone. È caratterizzato da:

  • Commercio equo e aree di coltivazione certificate
  • Tutela della biodiversità
  • Alla scoperta di esperienze di gusto nuove e dimenticate
  • Rivitalizzare i metodi di preparazione tradizionali, tra cui Pour Over, Cold Brew e Cold Drip