Tiramisù – Il Dessert Classico Dall’Italia

Tiramisù – Il Dessert Classico Dall’Italia

Il cremoso peccato del tiramisù

Il tiramisù, tiramisù italiano, è conosciuto in tutto il mondo e l’epitome dei dolci italiani. Soprattutto con una cena romantica, non c’è alternativa alla specialità dolce, da sciogliere in bocca e golosa. Il tiramisù ha affascinato le persone sin dall’inizio e numerose storie sono cresciute attorno al succoso dessert. Oltre al cremoso mascarpone, un ottimo espresso a base di chicchi di alta qualità conferisce al tiramisù il suo carattere inconfondibile.

Onomastica “Tiramisù”

L’origine del nome Tiramisù è avvolta in molte storie e leggende. Si dice che nel XVII secolo le cortigiane veneziane apprezzassero particolarmente il dolce. Pertanto, hanno dato al tiramisù il nome piccante, che letteralmente significa “tirami su”. Una denominazione meno frivola viene dagli anni ’40 del secolo scorso. Si dice che un ospite abbia gridato mentre si gustava la crema: “Ottimo, c`ha tirato su!” Tradotto significa qualcosa come “Eccellente, mi tira su”. Il padrone di casa lo prese e gli diede il nome “Tirame su”.

Oltre allo  zucchero, l’espresso  è responsabile di questo. Il gusto impareggiabile dei biscotti imbevuti di espresso sprigiona chicchi di alta qualità   pieni di carattere perché solo questi formano un aroma armonico con una sottile struttura acida, nonostante la forte tostatura, e completano il delizioso dessert.

Lezione Di Storia Tiramisù

Si dice che la specialità sia stata preparata in varie varianti sin dal XVII secolo, ma la ricetta principale oggi conosciuta si riferisce all’anno 1971.

Ma torniamo all’inizio:

In onore di  Cosimo de Medici , Granduca di Toscana, nel XVII secolo fu creato a Siena un nuovo dolce. Questo era molto simile al tiramisù di oggi. I pasticceri la battezzarono con il nome di “Zuppa del Duca”, quindi “Zuppa del Duca”, rendendo così omaggio al loro illustre ospite. Ma ci sono anche  storie meno glamour  sulle prime ore del classico italiano. Presumibilmente la torta o il pane essiccati erano immersi nel caffè. Per caso, le persone hanno combinato la pasticceria ormai morbida con mascarpone o latticini simili e hanno gettato nuovamente le basi per il dolce. Si dice che la miscela cremosa sia stata usata come alimento energetico durante la prima guerra mondiale.

Oggi  molti ristoranti affermano di essere stati i primi  a proporre il “tiramisù” tra cui “Al Vetturino”, trattoria di Pieris, che si dice abbia servito il tiramisù dagli anni Quaranta. Sono due i ristoranti trevigiani in lizza per il riconoscimento in termini di “tiramisù”. La ricetta più famosa risale a “Le Beccherie”.

Lettura suggerita:

Irish Coffee – Delizioso Caffè Con Un Colpo

Vietnam: grande coltivatore di caffè – preparazione insolita

La Composizione Famosa In Tutto Il Mondo

La ricetta principale  della  composizione famosa in tutto il mondo è attribuita a  Roberto Linguanotto . Nel 1971, è stato il pasticcere del ristorante tradizionale “Le Beccherie” a Treviso, Italia, e ha creato il dessert analcolico. Tutto ciò di cui hai bisogno è un  buon caffè espresso, cacao, savoiardi, tuorli d’uovo, zucchero e mascarpone . Giuseppe Maffioli pubblicò la ricetta originale nella sua rivista gastronomica già nel 1981 e rese così famoso il dolce:

“Per la crema, quattro tuorli d’uovo vengono montati con 100 g di zucchero e mescolati con 450 g di mascarpone. 30 savoiardi vengono immersi brevemente in 350 ml di caffè espresso raffreddato e raffreddato con due cucchiaini di zucchero. Dopo aver alternato due strati di biscotti su tre strati di uovo e crema al mascarpone, il dolce dovrà riposare in frigorifero per quattro ore. Poco prima di servire spolverare con il cacao e poi gustare. “

Deviando dalla ricetta originale, oggi il dolce classico viene affinato principalmente con  alcool e albume d’uovo montato . Per sprigionare nuovi sapori e freschezza, i pasticceri sperimentano la  frutta  e danno al dolce peccato sfumature variegate con liquore alla  mandorla o al caffè, grappa, marsala, rum o amaretto . Ci sono anche alternative per i biscotti. Il Pan di Spagna o lo Spekulatius seguono la tendenza della cucina sperimentale e rendono il classico adatto al futuro.

La Ricetta Piena Di Carattere

Per quattro persone hai bisogno di:

  • 4 uova
  • 100 g di zucchero a velo
  • 250 g di mascarpone
  • 175 g di savoiardi
  • 100 ml di caffè espresso
  • 1-2 cucchiaini di alcol a tua scelta
  • 1 cucchiaio di cacao

La  crema al mascarpone  dona al dolce dolcezza e una consistenza delicata. Per fare questo, come nella ricetta principale, montare il tuorlo d’uovo con metà dello zucchero a velo fino a quando non diventa spumoso. Lo zucchero a velo  è più adatto dello zucchero semolato, poiché non si scioglie a sufficienza. Il mascarpone viene mescolato insieme a questa miscela cremosa. L’albume, sbattuto a neve con la seconda metà dello zucchero a velo, viene leggermente sollevato nella crema al mascarpone. Questo dà la forza necessaria. La crema stessa è il principale vettore di sapore grazie al suo alto contenuto di grassi e zuccheri. Tuttavia, il mascarpone ha un sapore piuttosto insipido e vuoto da solo.

Quello che manca al tiramisù è quel  certo calcio. Questo entra in gioco con il caffè. Per l’ espresso devono essere utilizzati  solo chicchi di alta qualità . Perché solo se è di ottima qualità un espresso molto tostato è ancora un piacere freddo.


I  savoiardi  vengono immersi brevemente nell’espresso altamente concentrato. A seconda del gusto, può essere raffinato con amaretto, liquore al caffè, ecc. I biscotti devono rimanere fermi al centro in modo che il dolce mantenga la sua forma.

Se i  cinque strati sono sovrapposti,  la composizione deve riposare per almeno quattro ore. A causa delle uova crude, è importante prestare attenzione al raffreddamento. In alternativa, il tiramisù può essere servito anche come semifreddo di ghiaccio. Se vuoi, puoi anche sostituire uno strato di mascarpone con frutta passata o sfilettata, creando una variante estiva più leggera.

Servi Abilmente

Il tiramisù è molto morbido e va quindi preparato con cura. Gli strati sono facili da tagliare con un  coltello inumidito  in  acqua calda . Quindi può essere sollevato con cautela sul piatto. Il cacao fine  completa il classico. La polvere decorativa del piatto, insieme a foglioline di menta fresca o qualche frutto a spicchi, mette in scena sapientemente il tiramisù.

Più facile da servire è una composizione  disposta  in un  bicchiere  fin dall’inizio. Innovativo e più facile da usare è anche lo Swiss roll con crema al mascarpone. Ma anche qui non dovrebbe mancare l’espresso. In alternativa, una spruzzata di liquore al caffè ravviva la panna.

Conclusione: La Tradizione Incontra L’innovazione

  • Tiramisù significa letteralmente “tirami su”
  • La famosa ricetta risale al 1971 ed è analcolica
  • Esistono molte varianti con alcol e frutta
  • L’espresso conferisce al dolce tradizionale il suo carattere